Meeting infiniti? Ecco le regole per gestire bene le riunioni

Riunioni, riunioni…e ancora riunioni: secondo una ricerca di Bain & Company i meeting occupano in media il 15% del tempo di lavoro in un’azienda, altri studi indicano percentuali ancora maggiori.

Secondo una rilevazione presentata da David Grady e Jason Fried in occasione di un TEDX 9 persone su 10 pensano ad altro, nel 25% dei casi si parla di fatti poco rilevanti, il 50% delle persone trova le riunioni una perdita di tempo, il 73% dei partecipanti durante le riunioni fa altro.

Leonardo Frontani, docente del corso a catalogo Niuko “Gestire i meeting fra agilità e consenso”, ci regala alcune semplici regole da adottare per le riunioni:

  • regola numero uno, evitare di farle se non sono necessarie: se vogliamo uccidere un gruppo di lavoro mettiamolo al tavolo delle riunioni o tutto il giorno su Teams a seguire cose che interessano relativamente

 

  • una buona riunione è una riunione in cui non c’è il team leader: il gruppo deve avere una propria autonomia, essere in grado “di andare avanti da solo” senza bisogno di un direttore d’orchestra che usi la bacchetta in ogni meeting

 

  • usare un metodo: questo significa risparmiare tempo e aumentare l’engagement

 

  • fermarsi alla fine di ogni riunione per chiedere: com’è andata? Cosa vi è piaciuto e cosa non vi è piaciuto? Sono stato adeguato alle vostre aspettative?

Indicazioni semplici, a costo zero e di facile applicazione che possono contribuire a migliorare l’efficacia dei meeting.

Il corso – di cui verrà proposta una seconda edizione  è stata occasione per mettere a fuoco le diverse metodologie di gestione di una riunione (Agile, Kanban-like…), gli strumenti per facilitare i diversi tipi di meeting favorendo il problem solving e la presa di decisioni condivise. 

Guarda il video:

Scopri tutti i corsi del catalogo Niuko