OZ Racing, quando il Wellbeing entra in azienda

OZ Racing, quando il Wellbeing entra in azienda

Argomento: Competenze

Contents: 

Su 10 scuderie attualmente impegnate in Formula 1, ben 7, tra cui Ferrari, Mercedes, Red Bull hanno scelto i cerchi in lega prodotti da OZ Racing: un dato che fotografa in modo efficace il livello d’eccellenza della produzione dell’azienda di San Martino di Lupari,  nell’Alta Padovana, fornitore di case automobilistiche del calibro di Ferrari, Porsche, Aston Martin…

Esplorare il piccolo ma interessantissimo museo aziendale allestito nell’headquarter aziendale significa fare un viaggio nella storia dell’automobile e nel contempo nella storia straordinaria di un’azienda nata nel 1971 nel retro di una stazione di rifornimento da Silvano Oselladore e Pietro Zen. Una storia che Romano Reffo, Hr & safety dell’azienda, dipana con legittimo orgoglio. Una storia che continua oggi anche grazie alla centralità attribuita da OZ - che impiega 200 persone a San Martino di Lupari ed altre 40 nelle filiali estere - al tema della formazione, con la scelta di destinare al training almeno il 3% delle ore lavorate.

Nel lontano 2003 OZ è stata fra le prime realtà in Veneto ad introdurre la lean in azienda, quando questa parola era ancora sconosciuta ai più ed ancor oggi vengono organizzati 10 eventi kaizen di una settimana all’anno, coinvolgendo team di tutti i settori aziendali per mettere a fuoco di volta in volta un diverso obiettivo di miglioramento  e contribuire così alla crescita di una realtà che registra un fatturato di 60 milioni e una produzione 120 mila pezzi all’anno (cui si affiancano altri 600mila pezzi commercializzati).

Un’esperienza che favorisce la condivisione e lo scambio – anche intergenerazionale – in una realtà dove il 40% della popolazione aziendale è over 50 ma, grazie anche al robusto piano di assunzioni degli ultimi anni, un altro 20% è under 25. E giovani sono anche alcune delle figure apicali: se il responsabile della fonderia ha 37 anni, il responsabile operation ha 34 anni.

Alla formazione tecnica si affianca anche un progetto di Wellbeing, fortemente voluto dal dott.Reffo: i dipendenti, su base volontaria, sono coinvolti in un percorso formativo che tocca diversi aspetti, dall’alimentazione all’attività sportiva, dalla mindfulness alla gestione dello stress fino alle lezioni di yoga. Una proposta che ha raccolto una forte adesione: oltre 80 i lavoratori che si sono iscritti volontariamente.

Un secondo percorso, in programma in queste settimane, è interamente dedicato all’alimentazione sana con un modulo dedicato specificamente a chi vuole smettere di fumare. Ma perché proporre un corso di questo tipo all’interno dell’orario di lavoro? «Con l’allungamento dell’età pensionabile – spiega Reffo – l’età media della popolazione aziendale è destinata a diventare sempre più elevata: come azienda ci sentiamo interpellati da questo tema e abbiamo voluto offrire alcuni strumenti per aiutare i lavoratori a vivere meglio il loro quotidiano». Strumenti preziosi per la loro vita personale, ma che si riflettono anche sul benessere aziendale e quindi sulla produttività…

Solida anche la collaborazione avviata da OZ Racing sia con il mondo delle scuole secondarie sia con l’Università di Padova. Nel primo caso i progetti di alternanza scuola lavoro e i visiting tour che coinvolgono gli studenti dell’Istituto Meucci di Cittadella e del Barsanti di Castelfranco Veneto hanno contribuito a superare la difficoltà di reperire giovani periti. Da oltre 12 anni inoltre OZ Racing collabora con l’ateneo patavino nell’ambito del progetto Formula SAE, competizione che vede in campo gli studenti dei corsi di ingegneria meccanica ed economia di 60 università Europee, impegnati nel costruire piccole auto da corsa stile formula uno.

 

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team