Nel post-covid una nuova centralità per il ruolo dell'Hr in azienda

Nel post-covid una nuova centralità per il ruolo dell'Hr in azienda

Argomento: Competenze

Contents: 

Custom text

L’accelerazione della digitalizzazione di tutti i processi compresa la formazione, l’esigenza di reskilling che si fa sempre più forte, i nuovi interrogativi sui modelli organizzativi: questi alcuni dei macro-trend indicati da Mauro Marcato, responsabile commerciale di Niuko, intervento nei giorni scorsi in occasione di un webinar promosso dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Vicenza.

Un incontro online che è stato occasione per confrontarsi sui cambiamenti che attraversano il mondo della formazione: «Molte aziende – ha spiegato Marcato – sono ancora in una situazione di paralisi, in attesa di osservare l’evoluzione di questo scenario incerto: eppure proprio questo è il momento per riprogettare. La digitalizzazione sempre più spinta e accelerata ha reso ancor più urgente il tema del reskilling, ma anche l’organizzazione del lavoro sta cambiando profondamente, tante aziende stando evolvendo verso modelli più leggeri».

Ecco che cresce la domanda di una formazione “smart”, fra i temi più richiesti le metodologie agile e la comunicazione inter-funzionale fra aree aziendali per accompagnare questa trasformazione.

DIGITAL TRANFORMATION, EMPLOYER BRANDING E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

Una situazione turbolenta che piò rivelarsi anche una nuova opportunità: «Negli ultimi anni ho assistito a una lenta ma progressiva perdita di potere del responsabile hr, che non sempre ha un ruolo decisionale forte all’interno dell’azienda. Ora con l’emergenza di questi nuovi temi può riprendersi quel ruolo che gli spetta, diventando attore di primo piano nel guidare la digital trasformation, che passa inevitabilmente attraverso le persone»

Una ricerca recente di Deloitte, ha spiegato poi Marcato, ha indagato le priorità per gli hr in Italia: al primo posto proprio il reskilling (attraverso la digital transformation), al secondo posto il tema dell’employer branding, al terzo posto il nodo della conciliazione vita lavoro.

L’IMPATTO DELLE NUOVE TECNOLOGIE

Marcato ha poi raccontato, con alcuni esempi concreti, come le nuove tecnologie del digital stanno rivoluzionando il lavoro degli hr: un esempio è rappresentato da Burning Glass Technologies, società che usa l’intelligenza artificiale per generare report sull’andamento del mercato del lavoro e sulla base dei quali prendere decisioni strategiche sulle politiche attive per il lavoro. Un altro esempio è rappresentato dai game utilizzati per la selezione del personale o ancora dalla startup che propone un’app per valutare quanto il proprio profilo sia in linea con la domanda del mercato.

NO ALLA FORMAZIONE “MAKE UP”

«Sono esempi ancora lontani dalla nostra realtà – ha spiegato Marcato – c’è ancora molta strada da fare. Serve il coraggio di investire in percorsi di formazione che producano davvero dei cambiamenti: anche se non ci sono grandi risorse a disposizione, il consiglio è quello di limitare la formazione che io chiamo “make up”, fatta in modo rituale, riprogrammata ogni anno perché “si deve”, per scegliere percorsi mirati che possano davvero incidere e produrre dei cambiamenti tangibili».

Scopri di più sul nuovo progetto EsplorAzioni, nuovi percorsi per nuovi tempi: https://www.niuko.it/esplorazioni

Scopri di più sui corsi interaziendali dell’area risorse umane e organizzazione:
https://www.niuko.it/area/risorse-umane-e-organizzazione

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team