Mese della formazione, un viaggio lungo un mese fra cultura e attualità

Mese della formazione, un viaggio lungo un mese fra cultura e attualità

Argomento: Eventi

Contents: 

Custom text

Un viaggio straordinario  lungo un mese, che ha incrociato alcuni dei grandi temi con cui chi fa impresa, ma anche tutti i cittadini, sono chiamati a confrontarsi oggi.

 

Si è chiusa lunedì, con l’appassionato intervento del giornalista Paolo Borrometi sul tema delle mafie al Nord, l’undicesima edizione del Mese della Formazione promosso da Niuko Innovation & Knowledge.

 

“Abbiamo scelto di discostarci dai temi classici della formazione – spiega Marina Pezzoli, amministratore delegato di Niuko – perché siamo convinti che fare formazione significhi anche aiutare a leggere un presente sempre più complesso e in rapida trasformazione proponendo stimoli di riflessione e occasioni di contaminazione fra cultura e impresa”.

 

Intenso e partecipato l’incontro di apertura con Alan Friedman, che a Palazzo della Ragione  a Padova ha proposto la sua analisi degli scenari economici con cui fa i conti il nostro Paese, proprio nei giorni “caldi” dell’approvazione del Def.  Dall’economia al mondo multiforme della comunicazione, con Roberto Olivi che nella sede della Julius Meinl ad Altavilla Vicentina ha presentato il suo “La comunicazione è un posto dove ci piove dentro”, edito da La Nave di Teseo.

 

Gli incontri con le due donne protagoniste del Mese della Formazione – Chiara Tonelli e Manuela Di Centa – hanno lasciato il segno: se Tonelli ha affascinato con la sua visione del disegno futuro, in chiave sostenibile, degli spazi urbani e dei luoghi di lavoro, Di Centa ha raccontato come tenacia, costanza, passione e forza di volontà siano state le chiavi del suo successo nello sport e come dirigente sportiva.

 

Tante le suggestioni proposte anche da Dario Vergassola, in dialogo con Fabio Fracas sulle meraviglie della fisica quantistica, mentre la serata con l’Orchestra di Padova e del Veneto nella sede dell’Healt & Quality Factory Zambon si è rivelata una vera sorpresa per tutti i presenti, accompagnati dalla capacità affabulatoria di Guido Barbieri, voce di Radio 3, in un viaggio alla scoperta del Barbiere di Siviglia.

 

Di grande interesse anche i due tour insoliti che hanno portato alla scoperta del Giardino Monumentale di Valsanzibio nel Padovano e della Tomba Brion ad Altivole: occasioni per “aprire la mente” e lanciare un messaggio che ci sta a cuore: chi sa coltivare la “bellezza” è in genere un talento capace di esprimere grandi potenzialità anche in un mondo del lavoro che, di pari passo con la domanda di competenze sempre più specializzate,  chiede risorse capaci di gestire la complessità con creatività e flessibilità.

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team