Le quattro sfide dell'innovazione all'impresa

Le quattro sfide dell'innovazione all'impresa

Argomento: Eventi

Contents: 

Custom text

L’innovazione non cambia la vita solo al consumatore. I prodotti “intelligenti” modificano il modo di pensarsi dell’impresa ai tempi dell’Industry 4.0. I fronti di cambiamento messi in gioco dal digitale applicato ai prodotti di consumo sono numerosi. E saranno affrontati – con tre testimonianze aziendali e un approfondimento teorico – nell’appuntamento Light & Insight. L’innovazione come metodo per aggiungere intelligenza al prodotto, promosso da Niuko Innovation & Knowledge mercoledì 7 giugno 2017 nella sede di Carel Industries (via dell’Industria 11, Brugine, Padova) dalle 16.45, a partecipazione gratuita.

A guidare nella riflessione sarà il professor Stefano Biazzo, docente di Gestione dell'innovazione all’Università degli Studi di Padova, insieme ai rappresentanti di tre imprese disruptive in questo ambito. Per Carel, impresa leader nelle soluzioni di controllo per condizionamento, refrigerazione e nei sistemi per l’umidificazione, parlerà il direttore generale Francesco Nalini. Per Arianna Spa, già start-up innovativa, ora parte del gruppo Carel e tra i principali player internazionali di illuminazione a LED, interviene Christian Mazzola, presidente e CEO. Terza testimonianza sarà quella di Unox, azienda leader nei forni nelle piastre cottura professionali, con l’intervento del CEO Nicola Michelon.

Sono quattro le sfide che l’innovazione lancia all’impresa, secondo il professor Biazzo: «La prima è l’evoluzione permanente del prodotto che nel corso del suo ciclo di vita si evolve rapidamente, con gli aggiornamenti software – afferma il docente –. La seconda sfida è la personalizzazione di massa, oggi possibile a bassi costi. La terza è la trasformazione del prodotto fisico in una piattaforma che può abilitare nuovi servizi, anche impensabili in un primo momento. La quarta sfida è quella dell’apertura: i servizi vengono co-creati con forme di partnership che superano i tradizionali accordi di fornitura, nell’ottica di un ecosistema di innovazione».

Per Alberto Giovanni Gerli, vicepresidente di Arianna e consigliere delegato di Confindustria Giovani Padova, «la crescita tecnologica non è più lineare ma esponenziale, e comporta uno sviluppo a più dimensioni». Superati gli stadi dell’incremento delle performance e quello dei costi in discesa, ecco la dimensione dell’ecosistema – internet delle cose e prodotti in grado di dialogare – e quella del tempo – adattabilità a un mercato che evolve con grande rapidità. «Nel campo dell’illuminazione, la sfida del futuro è fare luce solo quando serve e con intensità personalizzata. Le applicazioni possibili sono numerose: connettendo smartphone e rete dell’illuminazione pubblica, per fare un esempio, presto potremo scegliere il percorso più luminoso per tornare a casa la sera».

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team