Le misure anti-contagio? Vanno integrate nella valutazione dei rischi

Le misure anti-contagio? Vanno integrate nella valutazione dei rischi

Argomento: Competenze

Contents: 

Custom text

L’applicazione del protocollo anti-contagio? Va sempre affrontata considerando e valutando l’impatto sulla sicurezza dell’azienda.

E’ questo uno dei messaggi emersi in occasione di un webinar gratuito proposto da Niuko lo scorso 14 luglio nell’ambito del percorso NOW (Niuko On Web). Un appuntamento moderato da Marco Zanchin, responsabile area HSE di Niuko, che ha proposto un vivace confronto fra Eugenia Priante, direttore FF Spisal Aulss 08 Berica, Liviano Vaccari, ispettore Spisal Ulss 7 Pedemontana, e Davide Casaro del Servizio Ambiente e Sicurezza Confindustria Vicenza.

Il webinar è stato occasione per ribadire come lo sforzo di introdurre le nuove misure anti-contagio possa distogliere l’attenzione dall’applicazione delle misure “ordinarie” relative alla sicurezza.

UNA GESTIONE COORDINATA

Da parte sua, la dottoressa Priante ha rimarcato come l’emergenza nel territorio vicentino sia stata gestita in modo coordinato da Ispettorato del lavoro, Spisal, Carabinieri provinciali, Vigili del fuoco, riuniti dal Prefetto in un nucleo operativo chiamato a fornire alla Regione un report quotidiano. In questo frangente lo Spisal spesso ha svolto una funzione più di accompagnamento che ispettiva, intervenendo in alcuni casi su richiesta delle aziende stesse per affiancarle nell’introduzione del protocollo. «Nel complesso il giudizio sull’applicazione e sul rispetto delle norme – ha spiegato Priante - è positivo, molte richieste hanno riguardato la gestione degli accessi e la riorganizzazione dell’attività produttiva. Non abbiamo rilevato situazioni critiche, le poche situazioni di irregolarità rilevate riguardavano soprattutto momenti informali come la gestione delle pause o gli assembramenti fuori dall’azienda, all’uscita dal lavoro…»

I DATI SUGLI INFORTUNI

Il dibattito è stato anche occasione per riflettere a partire dai dati sugli infortuni sul lavoro: a sorpresa, nonostante il lockdown, non si è verificato un crollo verticale degli episodi. Vaccari ha riportato i numeri dell’Ulss 7: se nei primi sei mesi dell’anno gli infortuni con prognosi fino a 3 giorni sono scesi del 61%, quelli con prognosi superiore ai 60 giorni sono diminuiti solo del 10%. Quali le ragioni di questo dato “anomalo”? Una domanda, la cui risposta resta aperta: diverse le ipotesi in campo, che dovranno essere avvallate sulla base dell’evoluzione dei dati nei prossimi mesi.

IL PUNTO SULL’APPLICAZIONE

Nel suo intervento Davide Casaro ha invece sottolineato come l’applicazione del protocollo anti-contagio debba essere necessariamente integrata al documento di valutazione dei rischi, che va aggiornato perché spesso le novità introdotte incidono su aspetti organizzativi e produttivi che impattano sulla sicurezza.

Un impatto che Casaro ha descritto attraverso una serie di esempi e casistiche concrete osservate in queste settimane nelle aziende: così ad esempio la scelta di utilizzare o meno l’aria condizionata può avere ricadute sulla salute del lavoratore, oppure la disposizione di non allontanarsi da una data area di lavoro per evitare assembramenti deve accompagnarsi a indicazioni sui comportamenti da adottare in caso di incendio.

Priante ha poi ricordato che non va dimenticato l’impatto degli aspetti psicologici: in molte aziende i lavoratori si trovano ancora in una situazione di grande incertezza e preoccupazione per il futuro. Una condizione che può incidere anche sul rischio di essere esposti a incidenti.

«Il webinar – ricorda Zanchin – è stata davvero una preziosa occasione di confronto per mettere a fuoco alcuni dei problemi che osserviamo ogni giorno nelle imprese che accompagniamo sia nell’applicazione del protocollo, che nell’integrazione delle nuove misure con quelle standard relative alle sicurezza».

Per maggiori informazioni sulle iniziative dell’area HSE:

 

Marco Zanchin

Niuko Srl - Responsabile Area HS&E
t.   +39 348 019 4335
e-mail: marco.zanchin@niuko.it
 

 

 

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team