Le competenze alla sfida del 4.0

Le competenze alla sfida del 4.0

Argomento: Competenze

Contents: 

Le competenze alla sfida del 4.0

Ingegneri informatici che non si trovano sul mercato, imprese a caccia di talenti in grado di padroneggiare le tecnologie abilitanti di Industry 4.0: il tema del gap fra domanda e offerta di profili legati al mondo del digital è spesso al centro dei riflettori, perché rappresenta un problema per molte aziende alle prese con la profonda trasformazione del proprio modello di business. 

Ma accanto a questa questione c’è un altro tema spesso sottotraccia: non basta assicurarsi l’ingresso di profili qualificati con forti skill digitali, o affidarsi a qualche consulente specializzato, per immaginare di riuscire a governare il cambiamento in atto. Se non c’è una strategia precisa di sviluppo delle competenze interne, che investa tutte le risorse umane presenti in azienda e parta dalla domanda della “direzione” digitale verso la quale si decide di andare, anche i più forti investimenti sono destinati a produrre poco risultato. 

Gli HR rivestono un ruolo sempre più strategico rispetto al raggiungimento della mission aziendale: da un lato sono chiamati a reperire le risorse adeguate e dall’altro a far crescere quelle già presenti, un compito non semplice. Un passaggio fondamentale è rappresentato dalla mappatura delle competenze propedeutiche alla trasformazione digitale, per “fotografare” le skill presenti in azienda e muoversi a fronte di questa analisi in azioni di recruiting mirato, oppure creare ad hoc dei piani di sviluppo e crescita, professionale e personale, dei talenti.

Una mappatura che, secondo il nostro approccio, investe oltre alle soft skill anche le digital soft skill e le intrapreneurship skill, due aspetti solitamente meno indagati, ma altrettanto importanti per lo sviluppo dell’azienda.

Con digital soft skills intendiamo tutti quei comportamenti che realizziamo nel quotidiano in ambienti digitali e che sempre più spontaneamente usiamo nella nostra vita professionale: passeggiamo con il nostro smartphone videochattando con un collega comunicando in un modo nuovo risultati, informazioni, o progetti; oppure impariamo a risolvere un problema di lavoro seguendo pari passo un tutorial su Youtube.

Le skills che invece permettono alle tecnologie esponenziali di impattare positivamente sui modelli di business aziendali sono quelle a carattere imprenditoriale, in grado di dar vita ad idee originali e creative, generando valore attraverso il digitale e attuando il processo di innovazione dell’impresa.

Fra gli strumenti per “indagare” e mappare le competenze in azienda, particolarmente efficaci si rivelano gli assessment center, una metodologia che coinvolge attivamente le persone in piccoli gruppi, ingaggiandoli con un business-game condotti da esperti in cui - attraverso simulazioni di contesti aziendali - si indagano quanto le persone possiedono le competenze desiderate, in modo da definire il loro obiettivo di crescita ed avviare il loro percorso di sviluppo. 

Questi e altri temi saranno al centro della riflessione proposta durante l’evento Il digital non è solo hard, ma soprattutto soft. Le competenze alla sfida del 4.0, in programma nell’ambito del Galileo Festival giovedì 17 maggio alle 16.30 a Palazzo Moroni. 

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team