Keywords 2021, sette parole per sfidare il cambiamento

Keywords 2021, sette parole per sfidare il cambiamento

Argomento: Competenze

Contents: 

Custom text

Ci siamo affacciati al 2021 fra dubbi e speranze. Le imprese con cui dialoghiamo ogni giorno si interrogano – come un po’ tutti noi – sugli scenari che ci aspettano in questo tempo incerto, ma carico di opportunità di cambiamento.

Anche quest’anno ci accompagnerà il percorso di Maps for Future, occasione per riflettere insieme sul “futuro che è già qui”: nei prossimi giorni vi aggiorneremo sulle nuove tappe del percorso.

L’ultima tappa del viaggio di Maps for Future del 2020 è stata dedicata proprio alle keywords, alle parole che ci possono aiutare nel percorso che ci aspetta in quest’anno che si apre: dai nostri docenti, consulenti e colleghi abbiamo raccolto spunti preziosi, li ripercorriamo brevemente con voi.

SCINTILLE _ Daniela Bassetto, formatrice Niuko, ci ha invitato a sapere cogliere le scintille che in questo tempo un po’ buio ci fanno intravedere un sentiero: fra queste la scintilla dell’entusiasmo che ogni leader deve saper suscitare nel proprio team in smart working senza cadere la tentazione di “tenere le redini” e la scintilla che ogni azienda deve suscitare nei propri clienti, di cui può essere “ispiratrice” prima ancora che fornitrice.

ANTIFRAGILITA’ _ Maurizio Scabbia, formatore Niuko, ci ha regalato una parola che riassume la capacità, se esposti a condizioni avverse, di evolversi e crescere, proprio come il surfista che si muove laddove non è possibile nuotare: una competenza che rappresenta, secondo Nassim Nicholas Taleb, l’unico modo di evolvere in ecosistemi complessi.

EMPATIA _ Carlo Presotto, Presidente La Piccionaia, è ricorso efficacemente alla metafora del teatro: l’azienda è come la squadra che vede insieme registi, tecnici e drammaturghi, consapevoli di essere parte di un respiro comune e chiamati a costruire quell’affiatamento che è alla base di una performance riuscita, dove a ogni battuta ne segue un'altra senza soluzione di continuità.

ISPIRAZIONE _ Marina Pezzoli, ad di Niuko, ha attinto all’esempio di Grant Achatz, chef stellato che per un periodo ha perso il gusto a causa di una malattia e anche in una condizione così “estrema”, proibitiva, ha saputo sperimentare e reinventare il suo lavoro, facendosi aiutare dai collaboratori nel trasformare il cibo in un’esperienza. Scomporre e ricomporre senza regole, lasciare correre la pura creatività, codificare ciò che si è scoperto, affinarlo per mesi e anni per poi avere fretta di tornare a scomporre e ricomporre: questa la ricetta proposta dallo chef, applicabile anche nel contesto lavorativo.

ARABA FENICE _ Alessandro Martorelli, formatore Niuko, ci ha fatto intravedere diverse strade per la “rinascita” dalle ceneri: fra queste l’indicazione di costruire una robusta analisi dei rischi e di individuare dei fornitori selezionati con cui non limitarsi a contrattare qualche sconto, ma disegnare insieme i propri prodotti.

ERRORE _ Matteo Finello, giornalista e responsabile area custom di Niuko, ha sottolineato il valore dello “sbaglio” come abbaglio da cui imparare, come occasione per farsi delle domande e come opportunità di scoperta di un nuovo mondo, specie in un anno in cui ci siamo trovati di fronte alla dimensione dell’imprevisto e in cui spesso ci muoviamo in un perimetro che non abbiamo disegnato.

AUGURI_ Enrico Cerni, head of faculty and mandatory trainging Generali Italia, ci ha invece invitati a seguire l’esempio degli Auspici, sacerdoti che traevano presagi guardando il cielo, cogliendo i segni e le indicazioni che arrivavano dal volo degli uccelli: un consiglio prezioso, da applicare nel lavoro quotidiano in questo tempo incerto.

 

Guarda il video dell'evento di Maps for Future di dicembre! 

Youtube

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team