Intelligenza artificiale, storie ed esperienze fra customer experience ed advertising

Intelligenza artificiale, storie ed esperienze fra customer experience ed advertising

Argomento: Eventi

Contents: 

Custom text

Un cliente mai come oggi informato, sofisticato, alla ricerca di emozioni, che chiede tutto e subito e che deve essere ingaggiato in modo nuovo: oggi – nell’era dell’iperstoria, come la chiama Luciano Floridi – caratterizzata dalla pervasività della tecnologia, nel marketing le “regole del gioco” sono profondamente diverse rispetto a quelle di qualche anno fa.

Con questa premessa Luca Altieri, direttore marketing IBM Italia, ha aperto la sua riflessione, ricca di stimoli e suggestioni, in occasione dell’evento di Maps for Future proposto da Niuko in collaborazione con Confindustria Vicenza martedì 21 gennaio nell’auditorium del Giornale di Vicenza.

Accanto ad Altieri, Antonio Deruda, docente e consulente di comunicazione digitale. Davanti a una platea numerosa e attenta, i due relatori hanno dipanato storie e dati che raccontano di un futuro che è già qui e di come l’intelligenza artificiale possa rappresentare uno strumento potente al servizio della customer experience e dell’advertising. Un futuro alla portata anche delle Pmi perché, come hanno precisato entrambi a più riprese anche in risposta alle numerose domande arrivate dal partecipanti, esistono già oggi soluzioni alla portata di tutte le capacità di investimento.

I numeri proposti da Altieri per fotografare la crescita esponenziale sono da capogiro: 7mila i tweet pubblicati nel mondo ogni secondo, oltre 61mila le google searches. Eppure, ha ricordato Altieri questi elementi “hanno un valore solo a patto di dotarsi di un sistema di intelligenza artificiale in grado di unire i puntini” e di analizzare anche tutti i dati non strutturati, come le foto o gli audio.

DALLA SPESA INTELLIGENTE AL RUM AL SAPORE DI VACANZA: GLI ESEMPI

Il racconto di Altieri è stato accompagnato da tanti esempi suggestivi.

Una catena di supermercati olandese consente di ordinare la spesa con un messaggio vocale e attraverso l’intelligenza artificiale è possibile indicare i piatti che si intendono preparare per ottenere in automatico la lista della spesa; la Knorr nell’ambito di una campagna di rebranding rivolta ai millennial con l’IA ha analizzato i social di alcuni utenti per poi abbinarli – in base ai gusti culinari - e farli incontrare con una cena romantica preparata “su misura”.

Youtube

Custom text

Due esempi di come l’intelligenza artificiale possa amplificare le possibilità di interazione e differenziazione, mentre per l’innovazione di prodotto Altieri ha raccontato la genesi di un rum “al gusto di vacanza” preparato grazie all’analisi delle emozioni rilevate sui post social collegati a un determinato luogo.

LE APPLICAZIONI NELL’ADVERTISING

Ricca di esperienze concrete anche la riflessione proposta da Deruda: nell’advertising l’IA è preziosa per la targhettizzazione del pubblico, ma anche per la personalizzazione dei contenuti da proporre a ogni singolo utente e per il miglioramento dell’esperienza. Su quest’ultimo fronte è singolare la proposta di EasyJet che a partire dalla foto di una località, anche in assenza di qualsiasi altra indicazione, ricerca automaticamente i voli per raggiungerla:

Youtube

Custom text

Di grande interesse  il caso della Toyota Lexus, con prima pubblicità al mondo scritta interamente dall’IA a partire dai valori da comunicare (sicurezza e origini giapponesi del marchio), dall’analisi delle pubblicità dei competitor più premiati e dalle emozioni legate al luxury.

Molteplici anche gli scenari che si aprono nell’applicazione dei chatbot, oggi in grado di apprendere dal dialogo con l’utente e che, ha spiegato Deruda, “si evolvono e divengono quasi umani, apprendono i nostri stati d’animo e calibrano le risposte in modo sempre più personalizzato. A volte addirittura ci parlano anche dei loro problemi..”

LE PROSSIME TAPPE

Il viaggio di Maps for Future continua venerdì 28 febbraio con un appuntamento dedicato al tema delle Smart Companies e dei nuovi modelli organizzativi per il lavoro che cambia, mentre il 18 marzo è in programma un visiting tour per scoprire la realtà di Fondazione Golinelli. Continuate a seguirci!

 

Per info: marketing@niuko.it

Contattaci
per capire come possiamo aiutare te o il tuo team